calciocamuno.it

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Articolo NUOVA CAMUNIA

ARTICOLI

   



NUOVA CAMUNIA-FOLZANO 4-4



NUOVA CAMUNIA:
Cervelli, Manenti, Testini F., Occhi M., Rizzi, Testini V., Casalini, Bonomelli, Zonta, Paroletti, Pacchiotti. A disposizione: Gregorini, Marazzani, Demurtas, Toselli, Laffranchi, Tolotti, Cominelli, Occhi N.
Sostituzioni: Occhi N. per Manenti, Demurtas per Occhi M., Toselli per Pacchiotti, Laffranchi per Rizzi, Tolotti per Paroletti.
FOLZANO: Scarpari, Rossetti, Corsini, Capone, Taglietti, Bertocchi, Cornelli, Apostoli, Sandrini, Colombi, Manera. A disposizione: Zanardelli, Pavoni, Minniti, Pini.
Sostituzioni: Minniti per Sandrini, Pini per Cornelli.
Reti: Manera al 2' (F), Paroletti su rig. al 11' (N), Manera su rig. al 26' (F), Bonomelli al 31', Testini V. al 46' (N), Apostoli al 49', Colombi al 55' (F), Zonta al 73' (N).
Espulsi: Corsini al 13', Bertocchi al 70', Apostoli al 80'
Ammoniti: Testini V., Paroletti, Tolotti, Laffranchi (N), Minniti (F).


Pirotecnico pareggio a Malonno tra una Nuova Camunia nervosa e pasticciona ed un Folzano mai domo. Pronti, via e già al secondo minuto il Folzano va in vantaggio agevolato da una clamorosa distrazione difensiva. Trascorrono solamente una decina di minuti e i nostri ragazzi passano, nella fattispecie Paroletti entra in area dove viene affrontato a parere dell'arbitro in maniera fallosa, inducendolo a fischiare un comunque generoso calcio di rigore: è lo stesso Paroletti a trasformare. Altri due minuti e a causa di un fallo di reazione il Folzano si trova in 10 contro 11 per una partita che sembrerebbe mettersi in salita per gli ospiti. Siamo al 26' quando il direttore di gara concede, forse per compensazione, un rigore anche al Folzano che non fallisce dagli undici metri riportandosi in vantaggio. Passano cinque minuti e capitan Bonomelli riporta la partita in parità con un perentorio colpo di testa. Prima dell'intervallo riusciamo addirittura ad andare in vantaggio con Testini Valentino per un 3-2 che sta stretto ai nostri per occasioni create e per mole di gioco. Clamorosa l'occasione per Casalini che calcia dal limite cogliendo un doppio palo con il portiere ospite che non può far altro che guardare e tirare un sospiro di sollievo, bene invece in un altro paio di circostanze. Partita indirizzata? 3-2 con l'uomo in più... Invece no.
Il Folzano rientra in campo con spirito battagliero e nel giro di sei minuti tra il 49' e il 55' ribalta il risultato riportandosi in vantaggio. Il definitivo 4-4 di Zonta sembra dare nuova linfa ai nostri, mancano infatti ancora venti minuti alla fine ed il Folzano prima rimane in nove, poi addirittura in otto; ma i nostri non riescono ad approfittare della molteplice superiorità numerica innervosendosi inspiegabilmente e non riuscendo quasi mai ad essere pericolosi, anzi a pochi minuti dalla fine, è il Folzano a sprecare una ripartenza dopo il nostro ennesimo errore.



INTERVISTA POST PARTITA
"
Probabilmente sarebbe bastato restare calmi e far girare palla allargando il gioco, soprattutto quando a venti minuti dalla fine siamo rimasti in undici contro otto. Siamo invece andati in confusione perdendo tempo a battibeccare con arbitro ed avversari, cedendo ad un nervosismo difficile da spiegare. Certo dalle panchine non abbiamo aiutato molto a far sentire tranquilli gli uomini in campo! Sembrava di assistere ad una fiera di paese con tanti ambulanti a fare a chi urlava più forte contro tutto e contro tutti. Bisogna ammettere che il Folzano in otto contro undici non ha rubato nulla, dobbiamo usare meglio la testa in certe situazioni, soprattutto dobbiamo imparare a farlo al più presto se vogliamo ambire a raggiungere determinati obiettivi. Settimana prossima ci attende una trasferta insidiosa sul campo di una Rudianese che proprio tra le mura amiche ha offerto delle prestazioni convincenti. Dovremo essere bravi e determinati per ottenere il massimo dei punti possibili e continuare a correre verso la linea del traguardo che giornata dopo giornata si sta avvicinando".

Tratto dal sito della Nuova Camunia 2015

 
Torna ai contenuti | Torna al menu