calciocamuno.it

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Articolo BRENO

ARTICOLI

   


CALVINA-BRENO 1-2



CALVINA (4-2-3-1): Garletti, Zanolla, Broli, Meduri, Chiari, Sorbo (k), Turlini, Delcarro (39’ st Veneziani), Recino, Brunelli (31’ st Crema), Maffioletti (26’ st Vavapini). A disp. Ferrari, Perez, Pini, Del Monaco, Colpani. All. Serafini.
BRENO (4-3-1-2): Serio (k), Zampatti, Bianchi (21’ st Piazza), Szafran, Zanoni, Tagliani, Venturelli (23’ st Capitanio), Melchiori (23’ Perego), Moraschi, Magrin, Triglia. A disp. Botti, Marku, Manzoni, Sorteni, Crea, Tanghetti. All. Tacchinardi.
ARBITRO: Zambetti di Lovere.
RETI: 3’ st Recino (C), 17’ st Szafran, 21’ st Magrin (B).
AMMONITI: Meduri (C).


Abbiamo riaperto così come avevamo chiuso, nel risultato e nel marcatore. Da quel 9 giugno sono passati poco più di due mesi. È cambiato tanto; la categoria, in primis, così come alcuni degli interpreti. La sostanza, alla prima uscita ufficiale nella massima categoria dilettantistica, in Coppa Italia, sembra essere la stessa. Il gioco, l’intensità e la determinazione, peculiarità queste che hanno contraddistinto i granata nella trionfale stagione scorsa, si palesano sin dagli albori, in estate, e trasmettono le giuste sensazione per la stagione che sta per fare il suo ingresso con decisione. La rimonta odierna, seppure con i dovuti limiti e con le sfumature quasi agli antipodi, ha preso corpo come uno splendido déjà vu. L’equilibrio, con sprazzi di bel gioco granata ed individualismo biancazzurro, l’ha fatta da padrone per gran parte dell’incontro. In avvio è risultata la Calvina più pericolosa negli ultimi sedici metri, sfiorando il vantaggio con tre tentativi di Recino, di testa (fuori), di pallonetto (alta) e di destro, con capitan Serio a limare in presa. I ragazzi di Tacchinardi si sono fatti vedere con Melchiori – uscito anzitempo per uno scontro di gioco, senza gravi conseguenze – e con Moraschi, i cui mancini sono usciti a lato. Ad affondare per prima è stata la Calvina. I padroni di casa sono passati in vantaggio con Recino a tre giri di orologio dal fischio d’inizio della ripresa, ma i granata non si sono persi d’animo. La palla continuava a girare piacevolmente nella trequarti dei padroni di casa, l’intensità non conosceva rassegnazioni. Così Szafran, ancora lui come in finale play-off, l’ha impattata di precisione e di piatto, spedendola all’angolino. Magrin, al primo gol in maglia granata, ha dato ulteriore adito alle sue qualità, firmando il vantaggio con una magistrale piazzato defilato dal limite. Finale chiaramente di sofferenza, con la Calvina in proiezione offensiva alla ricerca disperata del pareggio. Capitan Serio e l’imprecisione biancazzurra hanno posto i titoli di coda. Accediamo dunque al primo turno, dove ci attende un altro derby, domenica 25 a  Ciliverghe.



L'INTERVISTA NEL DOPO PARTITA

Le parole del mister, Tacchinardi: “Abbiamo affrontato un’ottima squadra, capace di metterci in difficoltà sul cambio di gioco. Siamo stati bravi a non mollare, a non perdere la nostra identità di gioco, nei movimenti e palla a terra. Con questa siamo stati in grado di fargli male e di ribaltare il risultato. Iniziare così fa certamente bene al morale, ma siamo solo all’inizio”


Mario Baffelli (Add. Stampa US Breno)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu